Chiacchiere o frappe di carnevale

Chiacchiere o frappe di carnevale

Chiacchiere o frappe di carnevale, ricetta:

Le chiacchiere o frappe di carnevale sono un tipo di frittelle di carnevale molto buono e diffuso in tutta Italia. Da Sud a Nord può variare un pò l’impasto, la forma o l’aroma, ma questo dolce non può non essere preparato ad ogni carnevale che si rispetti. Per realizzare questa ricetta, mi sono ispirata alla ricetta del grande maestro Iginio Massari (non conosci Iginio Massari? Male! Lui è il Maestro della pasticceria, famosissimo in ogni luogo, se non lo conosci bisogna che tu dia un’occhiata al suo sito.)

Ho cercato e provate diverse ricette di chiacchiere e frappe di carnevale, poi ho deciso di andare sul sicuro. Con lui non si sbaglia. Mi sono permessa di apportare qualche piccola modifica e il risultato è stato buono lo stesso. Certo, mai come il suo!!!

Ingredienti:

  • 500 g di farina forte W300 – W320 (io ho usato la farina per lunghi lievitati con una forza più alta W350 – W360);
  • 60 g di zucchero semolato (io ho usato lo zucchero di canna);
  • 60 g di burro morbido;
  • 175 g di uova intere (io ne ho messe 185 g);
  • 4 g di sale;
  • scorza di limone grattugiata;
  • 50 g di marsala;
  • aroma vaniglia;
  • olio di semi per friggere;

Procedimento:

potete impastarle a mano oppure utilizzare la planetaria (come ho fatto io). Mettete nella ciotola della planetaria le uova e lo zucchero e iniziate ad impastare con la frusta a K, aggiungete la farina setacciata, il sale, la scorza del limone e continuate ad impastare. Adesso aggiungete il marsala e aspettate che l’impasto si compatti un pochino. Iniziate ad aggiungere il burro morbido e la vostra pasta prenderà forma. Cambiate la frusta e mette il gancio, fate lavorare per qualche minuto ed otterrete un impasto liscio ed omogeneo.

Lasciate riposare l’impasto in frigo dopo aver formato una palla e coperta con pellicola. Dovrà riposare almeno 30 minuti. Trascorso il tempo, prendete la pasta e stendetela molto sottile, fate una sfoglia sottilissima, tagliate dei rettangoli piuttosto precisi e incideteli nel mezzo. Scaldate l’olio (ricordate il punto di fumo dell’olio di semi e rispettatelo). Friggete le chiacchiere per qualche minuto per ogni lato, scolatele con la schiumarola e lasciatele raffreddare su carta assorbente (la carta paglia). Cospargete di zucchero a velo e servite. Saranno le chiacchiere piu’ buone che abbiate mangiato! Io ne sono rimasta colpita 🙂

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:
Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale, ricetta semplice:

Le castagnole di carnevale sono un dolce tipico di carnevale, che io non avevo mai provato a preparare prima di arrivare in Romagna. Queste frittelle meritano di essere preparate almeno una volta all’anno. Le castagnole di carnevale hanno un sapore dolce e delicato. Potrete aromatizzarle come preferite: con scorza di arancia o limone, con vaniglia. Io ho scelto anice e cannella.

La versione che mi insegnato la mia vicina di casa, vera azdora romagnola, è fantastica. L’impasto delle castagnole di carnevale dovrà risultare morbido, ma non eccessivamente, dovrete prendere l’impasto con un cucchiaino, dare una forma tonda e buttarlo nell’olio per friggerle. Siccome gli impasti variano a seconda degli ingredienti, durezza farina ecc.. Se il vostro dovesse risultare troppo duro aggiungete latte (qualche cucchiaio).

Ingredienti:

  • 380 g di farina “00”;
  • 3 uova;
  • 45 g di strutto (oppure burro);
  • 1/2 bustina lievito per dolci (lievito vanigliato);
  • 1/4 bicchiere di latte (circa 40 g);
  • 1 pizzico di sale;
  • 90 g di zucchero;
  • un pizzico di anice;
  • un pizzico di cannella;
  • un cucchiaio di liquore (io ho usato il marsala);

Per friggere:

  • olio di semi;

Per farcire:

  • zucchero a velo;

Procedimento:

versate nella ciotola della vostra planetaria (o in una ciotola qualsiasi) la farina, il lievito, l’anice e la cannella e fate aerare, aggiungete il latte e le uova (uno alla volta). Impastate con la frusta a K (oppure con un cucchiaio). Unite il sale e lo zucchero, fate assorbire e lavorate ancora. Se l’impasto è moldo duro aggiungete qualche cucchiaio di latte. Per ultimo mettete lo strutto e lasciate incorporare.

Fate scaldare l’olio di semi, preparatevi un bicchiere d’acqua e iniziate a friggere. La temperatura dell’olio di semi deve essere intorno ai 120° – 130°. Prendete l’impasto con un cucchiaino, bagnatevi le dita nell’acqua, date una forma tonda all’impasto e buttatelo nell’olio caldo. Fate dorare mescolato con una schiumarola e toglietele dalla pentola. Mettetele ad asciugare su carta assorbente per togliere l’olio in eccesso. Farcite con zucchero a velo.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:
frittelle di carnevale

Frittelle di carnevale (Sfinci siciliane)

Frittelle di carnevale (Sfinci siciliane)

Frittelle di carnevale (Sfinci siciliane) ricetta:

E dopo le frittelle di carnevale, le “cuddrureddri” che ho preparato ieri ( e di cui trovate la ricetta qui ), non potevano mancare, in questo periodo carnevalesco, le sfingi di carnevale, frittelle morbide e gustosissime, che potrete gustare vuote spolverate di zucchero a velo, semolato oppure cosparse di miele (come le preferiva mio nonno), oppure ripiene, e qui vi potete sbizzarrire come volete, potrete mettere del cioccolato, oppure marmellata o ancora crema pasticcera, se volete potete utilizzare la mia ricetta della crema pasticcera, la trovate quì.  La ricetta che vi propongo è quella tipica del mio paese (Palma di Montechiaro, sempre in provincia di Agrigento.. Non credo che si sia spostata da ieri 🙂 ).

Queste bombette fritte sono spettacolari anche se ne esistono diverse varianti in tutta l’Italia, le chiamano zeppole, sfinci, un’altra variante sono le castagnole e tante altre. Possono variare leggermente gli ingredienti, ma mai la bontà.

Quella che vi darò io sarà la ricetta per ricavare circa 35 sfinci, sono piccole, quindi sarà facile mangiarne anche 3 o 4 a persona. Inoltre io ho usato sia la farina di grano tenero, tipo “00” che la farina di grano duro (quella per la pasta per intenderci). Ho anche usato lo strutto, ma se preferite potete utilizzare anche il burro.

Vi darò 2 procedimenti, uno per chi vuole utilizzare la planetaria e uno per chi vuole impastarle a mano.

Ingredienti (per 35 sfinci):

  • 400 g di farina “00”;
  • 100 g di farina di grano duro;
  • 1 cubetto di lievito di birra;
  • 50 g di strutto;
  • 100 g di zucchero;
  • 200 g di latte;
  • 3 uova;
  • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia (o vanillina);
  • cannella a piacere;
  • scorza di un’arancia;
  • scorza di un limone;

Preparazione:

 

Procedimento con la planetaria:

sarà bene utilizzare agrumi biologici perché metteremo nell’impasto la loro scorza. Iniziamo mettendo a bagno l’arancia  e limone in acqua e bicarbonato per farli lavare per bene. Versiamo nella ciotola della planetaria la farina e sciogliamo il lievito nel latte. Aggiungete le uova alla farina, versate il latte con il lievito e iniziate ad impastare, aggiungete tutti gli altri ingredienti tranne lo strutto. Fate incordare bene l’impasto (ci vorranno 7-8 minuti) e appena sarà liscio e si sarà attaccato al gancio, unite, poco alla volta, lo strutto. Fate assorbire lo strutto per bene e incordate bene l’impasto (ci vorranno 3 – 4 minuti). Una volta finito, mettete la ciotola a lievitare coperta da pellicola. Io la lascio nel forno spento con la luce accesa. Lasciate riposare per circa 2 ore e mezza o finché l’impasto non sarà raddoppiato.

Procedimento a mano:

versate tutti gli ingredienti nella ciotola e impastate bene, il latte dovrà essere tiepido. Impastate per qualche minuto e mettete a lievitare nel forno spento con la luce accesa.

Impasto frittelle
Impasto frittelle
Impasto frittelle lievitato
Impasto frittelle lievitato

Cottura:

Trascorso il tempo, scaldate l’olio e appena sarà pronto per friggere (io friggo a 130° circa) iniziate a formare delle palline, aiutandovi con un cucchiaino poiché l’impasto sarà morbido e appiccicaticcio. Versate le palline nell’olio ben caldo e fate rosolare bene da entrambi i lati. Scolate e appoggiate su carta assorbente per qualche minuto. Continuate così fino alla fine dell’impasto.

frittura frittelle
frittura frittelle
frittelle
frittelle

Passate le sfinci nello zucchero o nel miele. Se invece le volete riempire di crema, prima fatele raffreddare e poi con una siringa farcitele e spolverate di zucchero a velo.

Buon appetito 🙂

 

Please follow and like us:
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri), ricetta:

E’ tempo di maschere e scherzi, di giochi e dolci fritti.. L’aria del carnevale si è fatta sentire a casa mia, così ho deciso di preparare le frittelle di carnevale (Cuddrureddri), come si dice dalle mie parti. Nel mio paese di origine, Palma di Montechiaro, nella provincia di Agrigento, ogni occasione è buona per fare un dolce. Le feste vengono ormai ricordate per i dolci che le accompagnano, e così a carnevale non possono mancare le frittelle di carnevale (Cuddrureddri).

Ne esistono di diverse forme e fragranze, variano leggermente gli impasti ma ovunque in questo periodo si porteranno in tavola delle frittelle. Le mie frittelle sono dolcissime, fritte (anche se un giorno vorrei provarle al forno), con un sentore di cannella e hanno la forma di una goccia, anche se da piccoli, mia nonna ci ha insegnato che hanno la forma di “e”, ed in effetti somigliano anche alla vocale “e”..

E’ vero che il fritto fa male, che bisogna stare attenti e che dovremmo limitare il suo consumo al minimo, ma due frittelle di carnevale (Cuddrureddri) non hanno mai fatto male a nessuno!

Importante, per questa ricetta, sarà saper friggere: procuratevi un buon olio di semi e ricordate di rispettare la temperatura frittura che è di 170° circa (dovete mantenere una temperatura che va dai 160° ai 180° circa), ma io ho fritto le frittelle ad una temperatura di 130° circa, così come ho fatto con i bomboloni (di cui trovatela ricetta dei bomboloni). Perciò potrete iniziare a friggere intorno ai 130° e state attenti a non bruciare l’olio!

Dedico questa ricetta a mia nonna che me l’ha tramandata e alla mia migliore amica Ketty (ogni volta che faccio le frittelle non posso fare a meno di pensare che quando mia mamma le preparava, un pacchetto era riservato a lei ).

Eccovi le dosi per 16 frittelle circa:

Ingredienti:

  • 450 g di farina “00”;
  • 300 g di latte (io ho usato quello senza lattosio);
  • 200 g di acqua;
  • 1/2  bicchiere di zucchero (nel mio caso 110 g);
  • cannella a piacere;
  • scorza grattugiata di arancia o limone;
  • 1/2 bustina di lievito in polvere (8 g circa);
  • olio per friggere (1 l circa);

Per farcire:

  • zucchero semolato;
  • cannella (opzionale);

Preparazione:
versate l’acqua e il latte in una pentola, aggiungete lo zucchero e la cannella, portate quasi a ebollizione. Togliete la pentola dal fuoco e aggiungete la farina e il lievito, mescolate energicamente per amalgamare tutti gli ingredienti, versate il composto su una spianatoia e fate raffreddare qualche minuto. Iniziate a lavorare l’ impasto mentre è caldo, aiutatevi con l’olio e un mestolo senza scottarvi.
Formate un panetto e iniziate a tagliare dei pezzetti che stenderete con le mani formando delle corde. Adesso tagliate ogni corda di lunghezza pari a 10 cm circa e formate delle “e”.

Frittelle di carnevale (cuddrureddri) impasto
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) impasto
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)

Scaldate l’olio e iniziate a friggerle. Appoggiate sulla carta da forno. Spolverate con lo zucchero a velo e servite.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:

Tagliatelle di carnevale

Tagliatelle di carnevale

Tagliatelle di carnevale, ricetta semplice:

Ancora una ricetta per le frittelle di carnevale, questa volta prepariamo le tagliatelle di carnevale. In romagna le tagliatelle di carnevale sono delle frittelle preparate appunto in questo periodo. Ovviamente, nel paese delle tagliatelle, non potevano mancare le tagliatelle di carnevale. Giusto qualche accorgimento e sarete in grado di preparare un buon piatto di tagliatelle di carnevale, basta sostituire il salato con il dolce, il ragù con la composta di fragole e aceto balsamico, il parmigiano con il cioccolato bianco e il gioco è fatto. Eccovi delle frittelle buone e saporite per il vostro carnevale: le tagliatelle di carnevale.

Ingredienti:

  • 500 g di farina forte (W350);
  • 50 g di zucchero semolato;
  • 180 g di uova intere (circa 3 o 4 uova);
  • 50 g di strutto morbido;
  • 30 g di vino bianco;
  • 30 g di marsala;
  • scorza di un limone grattugiata;
  • 1 pizzico di sale;
  • olio di semi per friggere q.b. ;

Per farcire:

  • miele q.b. ;

Procedimento:

Versate la farina nella ciotola della planetaria e fate aerare, aggiungete lo zucchero, le uova (uno alla volta) e iniziate a mescolare. Aggiungete il vino, il marsala e il sale, continuate ad impastare e amalgamate bene gli ingredienti. Grattugiate la scorza di limone e unitela agli ingredienti. Poco alla volta unite lo strutto e fate assorbire. Impastate per qualche minuto e quando si sarà formato un impasto liscio ed omogeneo avete finito. Mettete l’impasto a riposo, avvolto nella pellicola, nel frigo e lasciatelo per almeno 30 minuti.

Trascorso questo tempo prendete l’impasto e stendetelo con un mattarello, tirate una sfoglia molto sottile, alta poco meno di 1/2 cm. Con un contello tagliate delle striscioline lunghe. Create delle tagliatelle con ogni striscia di pasta. Fate scaldare l’olio di semi in una pentola (ricordate il punto di fumo) e friggete le vostre tagliatelle di carnevale. Appena si saranno dorate toglietele dal fuoco. Ponetele su carta assorbente per tamponare l’olio della frittura, cospargetele di miele e servitele.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us: