Cupcakes con frosting philadelphia e yogurt

Cupcakes con frosting philadelphia e yogurt

Cupcakes con frosting philadelphia e yogurt, ricetta:

Oggi vi propongo questa fantastica e facilissima ricetta per i cupcakes con frosting philadelphia e yogurt. Un capcake è una piccola torta, letteralmente “torta in tazza”, che ha tutte le caratteristiche di una vera e propria torta in miniatura. Tutto ciò che occorre fare per realizzare un capcake è appunto un impasto soffice e delicato e una farcitura dolce e golosa, proprio come faremmo con una torta classica. Questi buonissimi dolcetti vanno cotti in pirottini di ceramica imburrati e infarinati o nelle teglie da cupcakes, dopo averle foderate con pirottini di carta.

Non è difficile realizzarli, ma sono sicuramente un dolcetto molto goloso e anche bello da vedere.

La ricetta che vi sto per postare vi permetterà di realizzare circa 36 cupcakes, ovviamente dipende da quanto grandi li volete fare.

Nell’impasto non ho utilizzato burro ne olio, ma ho usato la ricotta e il latte di riso, ovviamente potrete sostituire il latte di riso con quello classico o senza lattosio. Li o farciti con una crema e delle gocce di cioccolato.

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 500 g di ricotta;
  • 300 g di farina “00”;
  • 300 g di zucchero;
  • 2 uova;
  • una bustina di lievito per dolci;
  • aroma vaniglia (oppure limone o arancia);
  • un picchiere di latte di riso (o latte classico);

Per la crema:

  • 240 g di philadelphia (3 panetti);
  • 130 g di zucchero a velo;
  • 80 g di burro;
  • 150 g di crema di yogurt bianco;

Per decorare:

  • gocce di cioccolato (o zucchero o quello che preferite);

Procedimento:

iniziate mettendo la ricotta nella ciotola della planetaria, aggiungete le uova e lo zucchero e impastate per 2 minuti con la frusta a K (in alternativa usate una ciotola e uno sbattitore). Aggiungete la farina setacciata e continuate e mescolare, unite il latte e per ultimo il lievito, mescolate ancora, dovrete ottenere un impasto compatto e cremoso, non molto liquido.

Impasto cupcakes
Impasto cupcakes

Preparate la teglia da cupcakes (o da muffin) foderata con pirottini di carta e preriscaldate il forno a 180°.

Utilizzando un cucchiaio da gelataio o un cucchiaio classico riempite tutti i pirottini, cercando di mettere la stessa quantità di impasto in ogni pirottino. Finita questa operazione infornate per 30 minuti circa, continuate così fino a finire  tutto l’impasto. Prima di sfornare i dolcetti fate la prova stecchino per essere sicuri che siano cotti.

cupcakes in forno
cupcakes in forno

 

cupcakes appena sfornati
cupcakes appena sfornati

Una volta sfornati, toglieteli dalla teglia e lasciateli su una griglia finché non saranno completamente freddi.

cupcakes freddi
cupcakes freddi

Intanto preparate la crema: versate nella ciotola della planetaria la philadelphia, lo zucchero a velo e il burro morbido (a temperatura ambiente) ma non sciolto, iniziate a mescolare con la frusta a filo (quella per montare). Mescolate finchè gli ingredienti saranno incorporati bene. Alla fine togliete la ciotola dalla planetaria e unite la crema di yogurt mescolando con una spatola.

frosting
frosting

Adesso, accertatevi che i cupcakes siano freddi e farciteli con l’aiuto di una sac’a poche o semplicemente con un cucchiaino e decorate con le gocce di cioccolato.

cupcakes farciti
cupcakes farciti

Buon appetito 🙂

 

 

Please follow and like us:

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe, ricetta:

Le zeppole di San Giuseppe o Sfinci di San Giuseppe, sono un tipico dolce che si prepara (direi in tutta l’Italia ormai) nel periodo di San Giuseppe. Sono diverse le variati, a seconda delle zone. In generale, l’impasto è simile alla pasta choux, praticamente quella per preparare i bignè. Si tratta di un impasto neutro, utilizzato in pasticceria per la realizzazione di diversi dolci e non solo, perché con la pasta choux si possono preparare anche prelibatezze salate.

Veniamo alle nostre zeppole di San Giuseppe, da noi conosciute come “sfinci di San Giuseppe”, perché in sicilia le zeppole si chiamano sfinci. Una volta preparate potrete farcire le zeppole con crema pasticcera  o come preferisco io con la crema di ricotta e gocce di cioccolato, se volete, potrete aggiungere anche qualche ciliegina o canditi e zucchero a velo.

Andiamo alla ricetta, con queste dosi potrete preparare circa 14 zeppole grandi o 25 piccole, a seconda dei vostri gusti.

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 125 g di acqua;
  • 125 g di latte;
  • 250 g di farina “00”;
  • 80 g di strutto (o burro);
  • un pizzico di sale;
  • un pizzico di bicarbonato;
  • 4 uova medie (ma potrebbero servirne anche 5 o 6);

Per farcire:

  • 1 kg di ricotta di pecora (ma anche altra ricotta);
  • 400 g di zucchero a velo (variate a seconda dei vostri gusti);
  • 70 g di gocce di cioccolato;

Procedimento:

mettete una pentola sul fuoco e versate il latte e l’acqua, aggiungete lo strutto e fatelo sciogliere.

Latte e strutto
Latte e strutto

Appena i liquidi staranno per bollire versate tutta la farina e iniziate a mescolare con un mestolo di legno finché non si sarà formata una palla e si sarà staccata dai bordi. Adesso spegnete il fuoco e lasciate intiepidire l’impasto.

Impasto zeppole
Impasto zeppole

Trasferite l’impasto nella ciotola della planetaria e iniziate e mescolare con la frusta a K (quella piatta). Aggiungete le uova, uno alla volta, e non mettete il secondo se non si è assorbito il primo. Dovrete ottenere un impasto morbido ma non eccessivamente liquido, come una crema compatta ma lavorabile con la sac à poche.

Impasto Pronto
Impasto Pronto

 

Sac à poche
Sac à poche

A questo punto accendete il forno a 200° e lasciate preriscaldare. Foderate le teglie con carta forno e versate l’impasto in una sac à poche. Iniziate e formare le zeppole facendo dei cerchietti piccolini, potrete fare uno strato o anche due. Io ho fatto due strati e sono venute abbastanza grandi, perchè durante la cottura si gonfiano molto.

Zeppole di San Giuseppe
Zeppole di San Giuseppe

Una volta formate le vostre zeppole infornatele per 25 – 30 minuti. Una volta sfornate potete lasciarle finché saranno completamente fredde.

Preparate la crema mettendo la ricotta e lo zucchero nella ciotola della planetaria, mescolate con la frusta a K per 5 minuti circa, assaggiate per essere sicuri che sia dolce al punto giusto (secondo i vostri gusti). Adesso aggiungete le gocce di cioccolato e mescolate con un mestolo.

Farcite le vostre zeppole come preferite. Io le taglio a metà e metta la crema dentro, ma si può mettere un ciuffetto di crema anche sopra.

Attenzione alla cottura:

Durante la cottura, mettete la teglia nella parte centrale del vostro forno in modo da avere una cottura uniforme. Dopo 25 – 30 minuti, che sarà il tempo necessario alla cottura (si dovranno dorare), NON APRITE IL FORNO DI COLPO o le zeppole si sgonfieranno di colpo!!! Quando sarà terminato il tempo di cottura, spegnete il forno e lasciatele dentro per 5 minuti, poi aprite leggermente il forno e lasciate intiepidire. Solo dopo 15 – 20 minuti potrete tirare le zeppole fuori dal forno.

Buon appetito 🙂

 

Please follow and like us:

Tortino con cuore fondente bianco

Tortino con cuore fondente bianco

Tortino con cuore fondente bianco, ricetta:

E per gli attacchi di dolce, cosa c’è di meglio di un tortino al cioccolato fondente con cuore morbido? Un tortino con cuore fondente bianco! Un dolce facile da preparare e anche molto veloce. L’unica accortezza sarà quella di mangiarlo poco dopo averlo cucinato, altrimenti il cuore si potrà solidificare. Il tortino di cioccolato fondente col cuore di cioccolato bianco è qualcosa di spettacolare, buono, anzi, buonissimo. Farete un figurone con i vostri invitati! Le dosi che vi darò serviranno per realizzare 6 tortini. Potrete utilizzare dei pirottini in metallo, alluminio oppure uno stampo in silicone, come quello che ho utilizzato io.

Vi lascio alla ricetta!

Ingredienti: (per 6 tortini)

  • 5 g di cacao amaro;
  • 70 g burro;
  • 170 g di cioccolato fondente;
  • 3 uova intere;
  • aroma vaniglia;
  • 20 g di fecola di patate (o farina 00);
  • 50 g di cioccolato bianco;
  • 75 g di zucchero a velo;

Preparazione:

Sciogliete il cioccolato a “bagno maria” o al microonde e aggiungete il burro a pezzettini. Mescolate, fate sciogliere il tutto e lasciate intiepidire. In una ciotola mettere le uova a temperatura ambiente, lo zucchero e la vaniglia, frullate tutto per almeno 10 minuti fino ad ottenere una spuma. Aggiungere al composto il cioccolato tiepido e  il cacao amaro in polvere, aggiungete anche la fecola di patate. Incorporare tutto con una spatola, fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi.  Spennellate col burro gli stampini e spolverateli con il cacao amaro (opzionale il cacao), versate l’impasto in questi stampini, tagliate il cioccolato bianco a pezzetti e distribuitelo in ogni pirottino, al centro del tortino. Mettete i pirottini in frigo per almeno 2 ore e lasciate riposare. Preriscaldate il forno e infornare  a 210° per 13 minuti, massimo 15. La modalità del forno deve essere statica. Tirate fuori dal forno e lasciateli riposare 3 minuti circa. Potrete servire spolverando con zucchero a velo o panna.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:

Vellutata di zucchine e gamberetti

Vellutata di zucchine e gamberetti

Vellutata di zucchine e gamberetti, ricetta semplice:

Eccomi a proporre un piatto semplice, leggero e allo stesso tempo  buono e gustoso. Spesso, quando si pensa al cibo sano, leggero e senza grassi, ci viene la tristezza, ci immaginiamo distese di insalata poco condita, senza sapore e difficile da mandar giù.

Le zucchine sono una verdura molto leggera che può essere cucinata in diversi modi: è ottima con la pasta, con i risotti, ma si possono realizzare ottimi secondi, e anche i dolci. Buone le zucchine ripiene e un abbinamento che io prediligo è con i gamberetti.

Questa è la ricetta della vellutata di zucchine e gamberetti per chi ha poco tempo, vuole mangiare leggero e senza rinunciare al gusto.

Vediamo come trasformare un piatto semplice, a base di zucchine e gamberetti, in un piatto semplice e saporito: la vellutata di zucchine e gamberetti, con una ricetta semplice e veloce, ma allo stesso tempo light!

Ingredienti (per 2 persone):

  • 350 g di zucchine;
  • 250 g i gamberetti;
  • 1 cucchiaio di panna vegetale (opzionale);
  • 1 litro di brodo vegetale;
  • 1/2 cipolla rossa;
  • qualche foglia di menta;
  • 1/2 bicchierino di marsala;

Procedimento:

Preparate il brodo vegetale, aggiungete la cipolla, la zucchina, dopo averla lavata e pelata. Tagliate la zucchina e tocchetti e fate cuocere per 15 minuti circa. Unite 2 foglioline di menta. Adesso scottate i gamberetti in una padella con poca acqua e saltateli col marsala. Aggiungete i gamberetti al brodo con la zucchine e lasciate qualche gamberetto da parte per decorare. Prendete un minipimer e frullate tutto. Se volete potete aggiungere il cucchiaio di panna vegetale, mescolate, decorate con gamberetti, qualche foglia di menta e pepe rosa. Servite caldo.

Consiglio: se utilizzate delle zucchine biologiche potete tenere un pò di buccia, così da dare al piatto un colore verde più intenso. Il profumo e il gusto della menta si sposano molto bene con le zucchine e i gamberetti.

Please follow and like us:

Chiacchiere o frappe di carnevale

Chiacchiere o frappe di carnevale

Chiacchiere o frappe di carnevale, ricetta:

Le chiacchiere o frappe di carnevale sono un tipo di frittelle di carnevale molto buono e diffuso in tutta Italia. Da Sud a Nord può variare un pò l’impasto, la forma o l’aroma, ma questo dolce non può non essere preparato ad ogni carnevale che si rispetti. Per realizzare questa ricetta, mi sono ispirata alla ricetta del grande maestro Iginio Massari (non conosci Iginio Massari? Male! Lui è il Maestro della pasticceria, famosissimo in ogni luogo, se non lo conosci bisogna che tu dia un’occhiata al suo sito.)

Ho cercato e provate diverse ricette di chiacchiere e frappe di carnevale, poi ho deciso di andare sul sicuro. Con lui non si sbaglia. Mi sono permessa di apportare qualche piccola modifica e il risultato è stato buono lo stesso. Certo, mai come il suo!!!

Ingredienti:

  • 500 g di farina forte W300 – W320 (io ho usato la farina per lunghi lievitati con una forza più alta W350 – W360);
  • 60 g di zucchero semolato (io ho usato lo zucchero di canna);
  • 60 g di burro morbido;
  • 175 g di uova intere (io ne ho messe 185 g);
  • 4 g di sale;
  • scorza di limone grattugiata;
  • 50 g di marsala;
  • aroma vaniglia;
  • olio di semi per friggere;

Procedimento:

potete impastarle a mano oppure utilizzare la planetaria (come ho fatto io). Mettete nella ciotola della planetaria le uova e lo zucchero e iniziate ad impastare con la frusta a K, aggiungete la farina setacciata, il sale, la scorza del limone e continuate ad impastare. Adesso aggiungete il marsala e aspettate che l’impasto si compatti un pochino. Iniziate ad aggiungere il burro morbido e la vostra pasta prenderà forma. Cambiate la frusta e mette il gancio, fate lavorare per qualche minuto ed otterrete un impasto liscio ed omogeneo.

Lasciate riposare l’impasto in frigo dopo aver formato una palla e coperta con pellicola. Dovrà riposare almeno 30 minuti. Trascorso il tempo, prendete la pasta e stendetela molto sottile, fate una sfoglia sottilissima, tagliate dei rettangoli piuttosto precisi e incideteli nel mezzo. Scaldate l’olio (ricordate il punto di fumo dell’olio di semi e rispettatelo). Friggete le chiacchiere per qualche minuto per ogni lato, scolatele con la schiumarola e lasciatele raffreddare su carta assorbente (la carta paglia). Cospargete di zucchero a velo e servite. Saranno le chiacchiere piu’ buone che abbiate mangiato! Io ne sono rimasta colpita 🙂

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:
Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale

Castagnole di carnevale, ricetta semplice:

Le castagnole di carnevale sono un dolce tipico di carnevale, che io non avevo mai provato a preparare prima di arrivare in Romagna. Queste frittelle meritano di essere preparate almeno una volta all’anno. Le castagnole di carnevale hanno un sapore dolce e delicato. Potrete aromatizzarle come preferite: con scorza di arancia o limone, con vaniglia. Io ho scelto anice e cannella.

La versione che mi insegnato la mia vicina di casa, vera azdora romagnola, è fantastica. L’impasto delle castagnole di carnevale dovrà risultare morbido, ma non eccessivamente, dovrete prendere l’impasto con un cucchiaino, dare una forma tonda e buttarlo nell’olio per friggerle. Siccome gli impasti variano a seconda degli ingredienti, durezza farina ecc.. Se il vostro dovesse risultare troppo duro aggiungete latte (qualche cucchiaio).

Ingredienti:

  • 380 g di farina “00”;
  • 3 uova;
  • 45 g di strutto (oppure burro);
  • 1/2 bustina lievito per dolci (lievito vanigliato);
  • 1/4 bicchiere di latte (circa 40 g);
  • 1 pizzico di sale;
  • 90 g di zucchero;
  • un pizzico di anice;
  • un pizzico di cannella;
  • un cucchiaio di liquore (io ho usato il marsala);

Per friggere:

  • olio di semi;

Per farcire:

  • zucchero a velo;

Procedimento:

versate nella ciotola della vostra planetaria (o in una ciotola qualsiasi) la farina, il lievito, l’anice e la cannella e fate aerare, aggiungete il latte e le uova (uno alla volta). Impastate con la frusta a K (oppure con un cucchiaio). Unite il sale e lo zucchero, fate assorbire e lavorate ancora. Se l’impasto è moldo duro aggiungete qualche cucchiaio di latte. Per ultimo mettete lo strutto e lasciate incorporare.

Fate scaldare l’olio di semi, preparatevi un bicchiere d’acqua e iniziate a friggere. La temperatura dell’olio di semi deve essere intorno ai 120° – 130°. Prendete l’impasto con un cucchiaino, bagnatevi le dita nell’acqua, date una forma tonda all’impasto e buttatelo nell’olio caldo. Fate dorare mescolato con una schiumarola e toglietele dalla pentola. Mettetele ad asciugare su carta assorbente per togliere l’olio in eccesso. Farcite con zucchero a velo.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:
Pasta di farro con fagioli

Pasta di farro con fagioli

Pasta di farro con fagioli

Pasta di farro con fagioli, ricetta semplice:

La pasta di farro con fagioli è un’ottima ricetta invernale, saporita e semplice da preparare. Di solito noi usiamo molto il grano, la farina di grano tenero o semola di grano duro, ma non teniamo molto in considerazione l’esistenza di altri alimenti, altre farine. Una di queste è la farina di farro. Con la farina di farro si possono preparare tantissime ricette, come appunto la pasta di farro con fagioli.  Vi propongo una ricetta semplice e veloce, che potrete preparare davvero in poco tempo.

Ingredienti:

  • 150 g di fagioli precotti;
  • 120 g di pasta di farro;
  • sale e pepe q.b.;
  • brodo vegetale;

Procedimento:

preparate il brodo con acqua, una patata, una carota, cipolla e sedano. Aggiustate di sale e pepe. Dopo aver preparato il brodo, finite la cottura dei fagioli nel brodo, mettendoli in una pentola a fuoco moderato per qualche minuto. Portate a ebollizione e versate la pasta. Io, per la pasta di farro con fagioli, ho usato gli spaghetti sminuzzati, tagliati piccoli piccoli. Mescolate e fate cuocere. Servite caldo, il gusto sarà assicurato.

In alternativa, se avete un pò più di tempo potete utilizzare i fagioli secchi: in questo caso, mettete a mollo i fagioli in acqua fredda, la sera prima. Lasciateli tutta la notte, il giorno dopo scolateli e lavateli. Fate un soffritto di cipolla, sedano e carota, versate i fagioli e aggiungete acqua fino a stare due dita sopra i fagioli. Portate a cottura, ci vorrà un pò di tempo, mescolate di tanto in tanto e aggiustate di sale e pepe. 10 minuti prima della cottura aggiungete l’acqua e portate ad ebollizione. Appena l’acqua bolle versate la pasta e portate a cottura.

Entrambe le versioni della pasta di farro con fagioli sono buone, potrete sfruttare la prima versione se avete tempi ristretti e la seconda se avete un pò di tempo per cucinare.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us:
Insalata semplice

Insalata semplice

Insalata semplice

Insalata semplice, ricetta:

Oggi ci teniamo leggeri 🙂 Esistono diversi tipi di insalata, vi propongo una ricetta di un’insalata semplice. Per quanto mi riguarda, la difficoltà del preparare l’insalata, non stà tanto nel preparare o scegliere gli ingredienti, ma nel pulirli. L’insalata è buona, salutare e genuina, ma bisogna lavarla se la si compra fresca ( ed io lo consiglio ).

Quante volte vi sarà capitato di voler mangiare l’insalata? Tante, io adoro mangiarla. La farei tutti i giorni, ma occorre pulirla per bene. L’insalata fresca può presentare terriccio, perciò sarà importante pulirla e lavarla bene, io lo faccio sempre mettendo le foglie singole, staccate dal cespo, in una bacinella e lasciandolo ammollo con un pò di bicarbonato. Dopo la risciacquo con abbondante acqua fresca e la preparo.

Vediamo come fare una buona insalata semplice e saporita:

Ingredienti:

  • qualche foglia di lattuga canasta;
  • qualche foglia di radicchio rosso;
  • qualche foglia di iceberg;
  • qualche fungo champignon;

Condimento:

  • sale q.b.;
  • olio evo;
  • aceto balsamico;
  • coriandolo;
  • pepe rosa;

Procedimento:

Lavate la lattuga canasta, il radicchio rosso e l’iceberg, lasciare ammollo per qualche minuto e pulire i funghi. Iniziate dal gambo , togliete il terriccio con un coltello e tagliate la parte in eccesso. Spellate il fungo, privatelo della pellicina superficiale e lavate pure questi. Scolate tutto e sciacquate con abbondante acqua fresca. Spezzettate l’insalata con le mani, formate piccoli pezzetti, a seconda dei vostri gusti, e fate lo stesso con i funghi, tagliateli a pezzetti e uniteli all’insalata.  Condite con olio, sale, aceto balsamico e spezie varie, usate ciò che preferite. Potrete aggiungere anche del mais o la mozzarella, o ancora del pollo freddo.  Si potrà arricchire l’insalata in diversi modi. Usate, magari, il tonno, lo sgombro o il salmone. Insomma, esiste una vasta scelta per preparare un’insalata semplice, genuina e saporita. L’importante sarà non eccedere nei condimenti, soprattutto con l’olio. Dosate il condimento, in modo da trovare un equilibrio.

Buon appetito 🙂

 

Please follow and like us:
Spezzatino con carciofi

Spezzatino con carciofi

Spezzatino con carciofi 

Spezzatino con carciofi ricetta:

A chi non piace lo spezzatino di carne? Credo sia uno dei piatti più amati, soprattutto durante i mesi freddi. Lo spezzatino classico è un piatto fantastico che piace a tutti, grandi e piccini. Ma ieri sera volevo fare uno spezzatino alternativo, guardando in frigo avevo 2 carciofi e una cipolla.. Mi piace inventare piatti al momento, improvvisare con gli ingredienti che ti ritrovi, senza, per forza, riprodurre chissà quale capolavoro culinario. Avevo solo verdure, così ho pensato di sostituirle alle patate e sentire un pò il gusto di uno spezzatino coi carciofi. Le dosi, per lo spezzatino di carciofi, che vi elenco sono per 3 – 4 persone:

Ingredienti:

  • 2 carciofi;
  • 1/2 cipolla rossa;
  • 1 carota;
  • olio evo;
  • sale pepe q.b.;
  • 1 litro di brodo vegetale;
  • 600 g di carne di manzo;
  • 200 g di passata di pomodoro;

Preparazione:

preparate un brodo di verdure semplice, con sedano, carote, cipolle, una patate e qualche pomodoro. Prendete un tegame e metteteci la cipolla e la carota tagliate finemente con un filo d’olio, fate rosolare per bene e aggiungete i carciofi puniti e tagliate a listarelle, unite un mestolo di brodo e mescolate di tanto in tanto, continuate la cottura per 15 minuti circa aggiungendo poco alla volta il brodo. Adesso prendete il manzo (magro, mi raccomando) tagliato a tocchetti (fate dei bocconcini) e aggiungetelo al resto degli ingredienti, nel tegame, fate cuocere per 10 minuti e  aggiungete la passata (o se preferite i pomodori a pezzetti). Continuate la cottura a fiamma bassa e coprite col coperchio, mescolando di tanto in tanto. Dovrete cuocere per 45 minuti circa facendo attenzione che il sughetto che si sarà formato non si asciughi troppo, dovrà rimanere, uno spezzatino, bagnato ma non eccessivamente. Una volta cotto, lasciate intiepidire qualche minuto e servite caldo, sentirete uno spezzatino alternativo fantastico!

Buon appetito 🙂

 

Please follow and like us:
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri)

Frittelle di carnevale (Cuddrureddri), ricetta:

E’ tempo di maschere e scherzi, di giochi e dolci fritti.. L’aria del carnevale si è fatta sentire a casa mia, così ho deciso di preparare le frittelle di carnevale (Cuddrureddri), come si dice dalle mie parti. Nel mio paese di origine, Palma di Montechiaro, nella provincia di Agrigento, ogni occasione è buona per fare un dolce. Le feste vengono ormai ricordate per i dolci che le accompagnano, e così a carnevale non possono mancare le frittelle di carnevale (Cuddrureddri).

Ne esistono di diverse forme e fragranze, variano leggermente gli impasti ma ovunque in questo periodo si porteranno in tavola delle frittelle. Le mie frittelle sono dolcissime, fritte (anche se un giorno vorrei provarle al forno), con un sentore di cannella e hanno la forma di una goccia, anche se da piccoli, mia nonna ci ha insegnato che hanno la forma di “e”, ed in effetti somigliano anche alla vocale “e”..

E’ vero che il fritto fa male, che bisogna stare attenti e che dovremmo limitare il suo consumo al minimo, ma due frittelle di carnevale (Cuddrureddri) non hanno mai fatto male a nessuno!

Importante, per questa ricetta, sarà saper friggere: procuratevi un buon olio di semi e ricordate di rispettare la temperatura frittura che è di 170° circa (dovete mantenere una temperatura che va dai 160° ai 180° circa), ma io ho fritto le frittelle ad una temperatura di 130° circa, così come ho fatto con i bomboloni (di cui trovatela ricetta dei bomboloni). Perciò potrete iniziare a friggere intorno ai 130° e state attenti a non bruciare l’olio!

Dedico questa ricetta a mia nonna che me l’ha tramandata e alla mia migliore amica Ketty (ogni volta che faccio le frittelle non posso fare a meno di pensare che quando mia mamma le preparava, un pacchetto era riservato a lei ).

Eccovi le dosi per 16 frittelle circa:

Ingredienti:

  • 450 g di farina “00”;
  • 300 g di latte (io ho usato quello senza lattosio);
  • 200 g di acqua;
  • 1/2  bicchiere di zucchero (nel mio caso 110 g);
  • cannella a piacere;
  • scorza grattugiata di arancia o limone;
  • 1/2 bustina di lievito in polvere (8 g circa);
  • olio per friggere (1 l circa);

Per farcire:

  • zucchero semolato;
  • cannella (opzionale);

Preparazione:
versate l’acqua e il latte in una pentola, aggiungete lo zucchero e la cannella, portate quasi a ebollizione. Togliete la pentola dal fuoco e aggiungete la farina e il lievito, mescolate energicamente per amalgamare tutti gli ingredienti, versate il composto su una spianatoia e fate raffreddare qualche minuto. Iniziate a lavorare l’ impasto mentre è caldo, aiutatevi con l’olio e un mestolo senza scottarvi.
Formate un panetto e iniziate a tagliare dei pezzetti che stenderete con le mani formando delle corde. Adesso tagliate ogni corda di lunghezza pari a 10 cm circa e formate delle “e”.

Frittelle di carnevale (cuddrureddri) impasto
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) impasto
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittelle di carnevale (cuddrureddri) Forma
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittura Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)
Frittelle di carnevale (cuddrureddri)

Scaldate l’olio e iniziate a friggerle. Appoggiate sulla carta da forno. Spolverate con lo zucchero a velo e servite.

Buon appetito 🙂

Please follow and like us: